Manutenzione dei cuscinetti: come mantenere alte le performance il più a lungo

Al fine di consentire ai cuscinetti di poter mantenere nel lungo termine delle prestazioni comparabili a quelle iniziali, e per poter identificare prontamente alcune anomalie che potrebbero pregiudicare la qualità della performance o – ancora peggio – determinare cedimenti e danni alla struttura, è opportuno eseguire con periodicità programmata alcune operazioni di manutenzione che dovrebbero fungere da ideale prassi nell’assicurare i migliori standard di efficienza e di efficacia.

Come si effettua il controllo dei cuscinetti

Il controllo dei cuscinetti deve essere effettuato durante la fase operativa dello stesso, affinché possano intercettare eventuali anomalie nei livelli di rumorosità, nella temperatura raggiunta o nelle vibrazioni prodotte. Attraverso l’utilizzo di appositi macchinari (stetoscopio e termocoppia) è infatti possibile individuare prontamente scostamenti di rumorosità e di temperatura, utili per poter intercettare delle situazioni potenzialmente pregiudizievoli, che sarebbe opportuno cercare di fronteggiare con tempestività.

LEGGI  Cosa è il calettamento a caldo dei cuscinetti

Cuscinetti su parti molli e grasso

Nelle ipotesi in cui il cuscinetto sia montato su una parte mobile e, pertanto, non sia possibile procedere al controllo della rumorosità o della temperatura attraverso i dispositivi che nel paragrafo precedente abbiamo rapidamente introdotto, sarà comunque possibile procedere a una periodica ispezione dello stesso, con applicazione del grasso fresco e osservazione del suo funzionamento.

A proposito del grasso, ricordiamo che – sebbene il lubrificante sia un accessorio indispensabile per il corretto funzionamento dei cuscinetti – non è necessario esagerare con le quantità per poterne garantire la buona fruizione: il quantitativo di lubrificante dipenderà infatti dalla tipologia di cuscinetto, dalle sue dimensioni, dal numero di giri effettuati, dalle condizioni operative e da altre caratteristiche specifiche indicate nei manuali d’uso. Si tenga anche conto che la periodicità di applicazione e di rabbocco del lubrificante dipende anche dalla stessa tipologia di grasso: alcune tipologie richiedono infatti intervalli di lubrificazione piuttosto estesi rispetto ad altre.

LEGGI  Come sostituire il cuscinetto di una ruota Ford Fiesta

Per quanto infine concerne la lubrificazione con olio, è più comodamente opportuno limitarsi a mantenere un livello di olio pari a quello dell’indicatore dell’alloggiamento: se la quantità è inferiore al livello previsto, sarà sufficiente effettuare un rabbocco. Periodicamente è inoltre necessario valutare la possibilità di sostituire l’olio: la frequenza di tale intervento dipende dalle condizioni di funzionamento e, in particolar modo, dalla temperatura di utilizzo di tali componenti.

Smontaggio e sostituzione

Nell’ipotesi in cui durante queste fasi di controllo il cuscinetto dovesse mostrare delle anomalie tali da rendere opportuni ulteriori verifiche, sarà necessario procedere allo smontaggio dell’elemento. Parleremo dello smontaggio dei cuscinetti in apposito approfondimento. Per il momento, sia sufficiente ricordare che nel caso in cui lo smontaggio del cuscinetto dovesse far emergere la presenza di danni, sfaldature e altri pregiudizi a questo componente, potrebbe essere opportuno procedere alla sua sostituzione.

LEGGI  Cuscinetti a sfera, ecco quando è il caso di cambiarli dalla propria auto

Per far ciò, vi ricordiamo che su Cuscinetti & Componenti trovate oltre 50 mila tra articoli industriali, cuscinetti e componenti delle migliori marche, ai migliori prezzi del web, con consegna rapida in tutta Italia, pagamenti sicuri con carta di credito, PayPal o bonifico, e la consueta assistenza tecnica pre e post-vendita di grande qualità!

X