cuscinetto stampato 3d

Risolvere i problemi di affidabilità con cuscinetti su stampanti 3D

Le stampanti 3D sono una tecnologia di produzione all’avanguardia, ma devono rispettare le stesse regole di progettazione delle apparecchiature tradizionali. Hanno bisogno di cuscinetti per consentire il movimento e questi cuscinetti richiedono lubrificazione. In genere si usano olio e grasso … ma entrambi sono notoriamente disordinati e possono migrare dal cuscinetto, a sua volta contaminando la macchina e i pezzi.

LEGGI  Cuscinetti per mandrini SKF: l'elenco definitivo delle sigle

Tale contaminazione è tollerabile su alcune apparecchiature industriali, ma la contaminazione di un prodotto in una stampante 3D può degradare il prodotto stesso durante la fase di costruzione.

Molte società di stampa 3D avevano negli anni riscontrato questo problema di contaminazione dell’olio con cuscinetti sui bracci del carrello delle ruote della stampante. L’asse a movimento lineare sopporta un carico relativamente leggero (20 kg) ma corre ad alta velocità (500 mm / sec), il che porta a temperature davvero molto elevate (a 662 ° F). Quindi la lubrificazione dei cuscinetti si trasferisce sul prodotto stampato durante i test – una contaminazione inaccettabile.

LEGGI  Che cos'è Industria 4.0: un esempio pratico in azienda

Recentemente è nata una tecnologia di cuscinetti e lubrificazione per consentire ai fornitori di servizi di stampa 3D di mantenere un servizio affidabile per le loro stampanti. In questo modo, tali operazioni possono concentrarsi sull’invenzione e sulla produzione piuttosto che sulla manutenzione della macchina. La soluzione? Boccole in lega di grafite autolubrificanti, antitraccia e dimensionalmente stabili che possono operare a temperature fino a 1.000 ° F.

X